Avventura, Ecoturismo

Spiagge di Watamu, mare sapore di mare

spiagge-mare-watamu-vedere

Il caldo sembra arrivato, io assaporo già il momento di immergere i piedi nel caldo mare cristallino del Kenya, di passeggiare sulle bianche spiagge. Chiudo gli occhi, scalcio al volo le infradito, corro sulla bianca sabbia ed ecco, l’abbraccio delle limpide acque dai mille colori.

Si, perchè il Kenya oltre alle sconfinate savane, ha spiagge che nulla hanno da invidiare ad altri paradisi tropicali. Chiudiamo gli occhi, immaginiamo le spiagge ornate da palme che danzano al ritmo dei tamburi africani. Solo il suono della risacca, il vociare dei bimbi che si tuffano in acqua sembrando già piccoli acrobati.  Watamu è la perla del Kenya, un piccolo paese con una collana di spiagge lambite dalle dolci onde dell’oceano.

sardegna2 kenya
canoe dei pescatori a Mayungu

Quanti colori il Kenya: l’ebano della pelle, il turchese del mare, l’ocra della savana, il verde smeraldo della ricca vegetazione, il bianco delle sfuggenti nuvole che imbellettano il blu dell’infinito cielo.

Andiamo a scoprire le spiagge, il mare, le maree

Le maree, influenzate dalle fasi lunari fanno apparire e scomparire l’Oceano. L’alternarsi dell’alta e bassa marea è un avvenimento naturale, lo si incontra in ogni mare, qui sulla costa è un ” di piu’ “, a quanto già puo’ offrire Watamu o il litorale del Kenya in generale.

bassa marea watamu
l’oceano a Watamu con la bassa marea

Il saliscendi del mare,  lo si può “toccare con mano” !
Le varie fasi delle maree si alternano durante l’arco della giornata, con scadenze di circa 6h avvicendando i cicli di “salita” e “discesa”. Ogni giorno scalando di circa un’ora la fase. I momenti di maggior differenza tra bassa e alta marea ci sono durante i giorni di luna piena, raggiungendo anche un “dislivello” di circa 3.80mt. Le spiagge appaiono e scompaiono.
Davanti la costa ci sono ben tre barriere coralline, le quali proteggono le spiagge dal “carattere” iracondo dell’oceano. Durante la bassa marea, indossando delle scarpette da scoglio, si puo’ passeggiare, osservare la vita marina. Sguazzare nelle jucuzzi naturali che si formano. Si possono incontrare grandi e colorate stelle marine, rosse, blu, azzurre, o spugne gialle o verde smeraldo. Pesciolini colorati. Passeggiare sulle bianchissime sandbanks e trovarvi in paradiso.

watamu mare spiaggia
i colori del mare

I colori del mare si confondono con quelli del cielo, variano dal trasparente, al blu, verde chiaro, turchese, ogni minuto un nuovo spettacolo di colori.
La sabbia è così bianca che abbaglia, ed in alcune spiagge così sottile che crocchia sotto i piedi.
L’alternarsi delle maree, comanda l’entrata e l’uscita degli show dei pescatori, sedersi sulla spiaggia di Kitangani, e vederle arrivare, con il sole che inizia a tuffarsi in mare.

alba spiaggia
Alba sulla spiaggia dei Pescatori – Kitangani – a Watamu

Dolce relax sulle spiagge

Per quasi tutto l’anno si puo’ visitare il Kenya, che offre sempre temperature da miti a calde. Ora bando alle ciance, venite con me ? Oggi andiamo per le spiagge di Watamu !! Pronti ? bene; pareo, calzoncini per gli uomini, infradito per tutti, un cappello, costume da bagno e via andiamo. Twendeeee.
Le spiagge piu’ famose di Watamu, la perla del Kenya. Da sud a nord della costa di Watamu: Sudi Island, Short Beach, Mida Creek, Garoda beach ( una delle mie preferite) Long Beach con il parco marino di Watamu , Turtle Bay, Blu Lagoon, Kitangani ( la spiaggia dei pescatori, con di fronte l’Isola dell’Amore ). E ancora Fortamu, Ocean Breeze, Mayungu-Sardegna2. Oltre arriviamo al parco marino di Malindi, Che Shale spiaggia d’orata, Robinson Island, l’isola delle conchiglie e oltre ancora e ancora mare, mare, mare

tramonto Mida Creek
tramonto a Mida Creek Watamu
0 Comments
Share

MasCris

Amante dei viaggi, delle culture, delle tradizioni, viaggio fai da te organizzandomi in autonomia. Sovente parte senza organizzazione, ma solo con una meta da raggiungere, e tutto il cammino mi porta ricchezza. Cerco di entrare piu’ che posso in contatto con il territorio, la gente. Il mio Mal d’Africa vive con me